Sara Lombardi

Ricercatrice di Organizzazione Aziendale presso il Dipartimento di Scienze per l’Economia e l’Impresa dell’Università degli Studi di Firenze. Nel 2010 ha conseguito la Laurea Specialistica in “Direzione del Personale” presso l’Università degli Studi di Firenze e, nel 2016, il dottorato di ricerca in “Management” presso la ‘LUISS Guido Carli’. Ha trascorso periodi di visiting presso la Copenaghen Business School, la Tilburg University, la London School of Economics and Political Science e la King’s Business School. Partecipa regolarmente e presenta le proprie ricerche alle conferenze nazionali ed internazionali di maggior rilievo. E’ membro delle associazioni di studi organizzativi e di management più rilevanti, quali Academy of Management (AOM), European Group for Organizational Studies (EGOS) e European Academy of Management (EURAM). Nel 2018 è risultata tra i vincitori del bando di Ateneo di Firenze per i progetti competitivi per giovani ricercatori con l’indagine “Creatività e organizzazione d’impresa negli studi d’architettura europei del secondo Novecento”; nello stesso anno, il XIX Workshop dei Docenti e dei Ricercatori di Organizzazione Aziendale (WOA) le ha assegnato il Best Paper PhD and Young Researchers. Tra gli altri premi ottenuti si citano il Most Inspirational Paper Award ricevuto dalla European Academy of Management e il Best Conference Paper Award ricevuto nel 2016 dalla Strategic Management Society (SMS) Special Conference. Sara Lombardi è fondatrice e membro del team di TREZERODUE, spin-off riconosciuto dall’Università degli Studi di Firenze nel 2017.

Big Academy Sara Lombardi

AMBITI DI SPECIALIZZAZIONE:

Apprendimento organizzativo

Condivisione di conoscenza in azienda

Creatività e comportamenti innovativi

Employability dei laureati

Processi cognitivi dell’individuo

I moduli:
12 Ore
Motivazione dei collaboratori e leadership
Temi quali quello della motivazione al lavoro o della leadership sono di primaria rilevanza per la competitività sostenibile delle aziende. Soprattutto durante periodi di transizione o di crisi, far leva sul contributo derivante dai comportamenti e dalle performance del proprio personale è considerato il primo passo per poter affrontare con successo il cambiamento. Porre attenzione alle risorse umane e costruire un’adeguata capacità di guidarli verso il raggiungimento degli obiettivi consente infatti di agevolare la diffusione di un approccio positivo e ottimistico al cambiamento all’interno dell’organizzazione, di assicurarsi il supporto e il commitment del personale anche in situazioni di stress e ansia elevati, oltre che di dar vita ad una cultura collettiva che miri al benessere organizzativo, mettendo al centro la longevità dell’attività aziendale.
Sara Lombardi
UNIVERSITÀ DI FIRENZE
Marco Ugolini
THALES